MSD

Pembrolizumab – MSD

Pembrolizumab è ormai lo standard of care in numerose indicazioni oncologiche, sia in setting palliativo che in contesti potenzialmente curativi. Sebbene gli studi registrativi di fase III debbano essere considerati il gold standard per l’approvazione dei farmaci, gli studi di RWE consentono una valutazione nella pratica clinica quotidiana, fornendo conferme complementari in popolazioni eterogenee. Pembrolizumab ha confermato la sua efficacia e maneggevolezza anche in un setting di Real Life, riproducendo complessivamente quanto dimostrato negli studi registrativi. Numerosi studi di RWE, infatti, hanno permesso alla comunità scientifica di condividere informazioni su popolazioni non selezionate, in ambienti meno rigorosi, valutando interazioni con malattie e terapie concomitanti, osservando dati di adesione alle terapie, focalizzandosi su popolazioni rare o speciali o semplicemente osservando pazienti trattati in pratica clinica. Il rigore degli studi registrativi esclude alcune categorie di potenziali pazienti con particolari comorbidita’ che nella pratica clinica possono in realtà beneficiare del trattamento; l’elevato numero di evidenze di real life con pembrolizumab ne consolida il robusto profilo sia di efficacia che di sicurezza, in ogni setting e in ogni indicazione registrata.

Vaccino anti-pneumococcico polisaccaridico coniugato 15-valente
adsorbito (VAXNEUVANCE®) – MSD

Vaxneuvance, è stato sviluppato in modo da rispondere alle necessità di aumentare la disponibilità di vaccini antipneumococcici che garantiscano una maggiore copertura sierotipica senza alterare il profilo di immunogenicità, con particolare focus a quei sierotipi che continuano a circolare nella popolazione, nonostante presenti in formulazioni di vaccini di ampio utilizzo.

Lo sviluppo del vaccino ha previsto 19 studi di fase III randomizzati e controllati: in età pediatrica e adulta, arruolando in totale 15.000 partecipanti. Nel programma di sviluppo si sono tenute in considerazione le diverse necessità della sanità pubblica includendo studi specifici in popolazioni speciali, come i soggetti fragili e soggetti con condizioni di immunocompromissione. Negli studi clinici condotti in età adulta, grande rilevanza è stata data alle categorie a rischio per condizioni di cronicità ed immunocompromissione.

Studi supportivi di cosomministrazione con altri vaccini somministrati in età pediatrica ed adulta e studi di interscambiabilità sono stati condotti al fine di consentire una rapida implementazione dell’utilizzo del vaccino nei programmi di immunizzazione vaccinali dei diversi paesi.

Log in with your credentials

Forgot your details?